.:SEGUICI SU:. FACEBOOK INSTAGRAM
2017 28 maggio

Domenica da incubo : azzurri eliminati !!


TORVISCOSA - SAN GIORGIO SEDICO : 1 - 4

Reti : al 6', 28' e 39' Radreazza (USGS),  al 48' Marcolin (USGS) ed al 66' Verrillo (T)

TORVISCOSA : Buso, Miani, Savic (Peloi), Colavetta, Candotti, Marangone, Del Piccolo (Goz), Romanelli, Verrillo, Puddu, Godeas (Cucciardi). All. Zamaro.

SAN GIORGIO/SEDICO : Pazzaia, De Checchi, D' Incà (Coslovich), Rimoldi, Polesana (Veronese), Moretti, Alberton (Lazzari), Dassiè, Marcolin, Sotagna, Radrezza All. Ferro

Arbitro : Bozzetto Giorgio sez. Bergamo ( Agostino Ivano sez. Sesto S. Giovanni e Giorgi Fabrizio sez. Legnano; quarto uomo :Caporale Alessio sez. Abbiategrasso).

Note : recupero : 0' e 0'. corner : 4 - 0 per il  Torviscosa. ammoniti : Buso, Miani, Candotti e Puddu (T). espulso : al 54' Colavetta (T) per fallo di reazione; al 79' Marangone (T) per doppia ammonizione ed all' 80' Cucciardi (T) per proteste..

Spettatori : 350 circa.

Bisognerebbe sciorinare la miglior trama horror per descrivere il pomeriggio del Torviscosa, scomodare Alfred Hitchcock e descrivere una sconfitta clomorosa nei contenuti fin oltre il risultato del campo.

I ragazzi di patron Midolini, partiti col vantaggio griffato capitan Godeas sette giorni fa in terra bellunese, crollano sotto i colpi di una rigenerata Union e del suo bomber principe Radrezza invogliato dall' errore dagl' undici metri di una settimana fa a riscattarsi; e lo fa con una varietà di colpi degni di un vero bomber : di precisione con la punizione liftata dal limite  per il vantaggio che dopo soli 6' riporta in parità la sfida, di scaltrezza e senso del goal per il raddoppio al 28' e di furbizia e rapina quando è bravo ad infilarsi su una palla "mia - tua" tra Buso e Candotti e depositare a porta vuota il goal dell' assoluta sicurezza sul finire della prima frazione.

In mezzo, le vacue occasioni azzurre per quel che poteva essere e non è stato : il palo di Del Piccolo al 21' che bacia il palo interno, corre lungo tutta la linea ed esce dalla parte opposta alle spalle di Pazzaia, ed il tap-in clamorosamente a lato di Candotti al 30' a porta vuota dopo l' uscita mancata dal portiere bellunese.

Una squadra, quella di mister Ferro che, presentatasi al Tonello con un solo cambio rispetto all' andata, trovato il vantaggio al primo affondo gioca con una tranquillità ed una consapevolezza tali a cui nemmeno i correttivi di mister Zamaro possono porre rimedio.

Ed anche in avvio ripresa, quando Zamaro con l' ingresso di Cucciardi vorrebbe giocarsi la carta dell' imprevedibilità per riportare i suoi almeno un po' nella partita, all' Union bastano meno di 3' per mettere la pietra tombale alla gara : clamoroso contropiede 3 contro 2 su corner azzurro, Marcolin si aggiusta il sinistro e coglie il palo lontano dove Buso non può mai arrivarci.

A complicare un pomeriggio già di per se complicato ci si mettono i nervi di una squadra che crolla nel momento più bello : al 54' Colavetta lascia i suoi in inferiorità per un colpo rifilato ad un avversario sugli sviluppi di un corner.

A questo punto, in vantaggio di un uomo e sul 4-0 è solo gestione del pallone da parte di Radrezza & co. a cui il goal della bandiera di Verrillo al 66' non fa nemmeno il solletico; 

Nel finale, azzurri che macchiano la loro immagine con altri 2 cartellini rossi : prima è Marangone a lasciare il campo per doppia ammonizione, seguito a breve distanza da Cucciardi che non trova di meglio che protestare insistentemente con il sig. Bozzetto.

Mancano 10' alla fine ma la festa bellunese è iniziata da un pezzo ed andrà avanti nel chiosco fin oltre le 21;

Per il Torviscosa un mesto abbandono al segno Serie D dopo l' illusione della gara di andata ma con la consapevolezza che le basi, per migliorare due campionati da secondo posto, sono state gettate.